Finanziamenti a Fondo Perduto per Giovani Agricoltori: PSR Lazio, Generazione Terra e Altri Bandi 2024

Finanziamenti a Fondo Perduto per Giovani Agricoltori nel Lazio: Sostegno all’inserimento di Giovani Agricoltori e altri bandi 2024

Indice

Introduzione

Nel mondo agricolo, i giovani agricoltori hanno accesso a numerosi bandi e incentivi per avviare e sviluppare le loro attività. Programmi come il PSR Lazio, Generazione Terra e il Bando ISI INAIL offrono opportunità significative per il ricambio generazionale e l’innovazione nel settore.
L’obiettivo di questo articolo è quello di chiarire cosa è, e come funziona il bando PSR 2014-2020. Misura 6.1.1. Finanziamento a fondo perduto in sostegno all’insediamento di giovani agricoltori.

Se sei interessato/a a scoprire di più anche sugli altri due bandi, ti invitiamo a leggere i nostri articoli: “La guida definitiva al bando ISI INAIL 2023: gli step essenziali per accedere a finanziamenti a fondo perduto” e “Bando Generazione Terra: fino a 1,5 mln di euro

Cos’è il PSR

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) rappresenta un’iniziativa cruciale dell’Unione Europea volta a promuovere lo sviluppo economico, sociale e ambientale nelle zone rurali. Attraverso i fondi del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR), il PSR si propone di ridurre le disparità tra le diverse aree rurali, promuovendo pratiche sostenibili e innovative. I piani di sviluppo rurale, sviluppati a livello nazionale e regionale, delineano azioni e investimenti specifici per migliorare la qualità della vita in queste zone, affrontando questioni come l’agricoltura, l’ambiente, l’occupazione, e la coesione sociale.

PSR Lazio: Come accedere al fondo perduto

Nel Lazio, la Misura 6.1.1 del PSR 2014-2020 offre un’opportunità significativa per i giovani agricoltori, mettendo a disposizione finanziamenti a fondo perduto fino a 70.000 euro. Per accedere a questi fondi, i giovani agricoltori devono presentare una domanda entro il 17 giugno 2024, devono dimostrare che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola di adeguate dimensioni economiche in termini di Produzione Lorda Standard (PLS):

non inferiore a € 15.000,00, ridotta a € 10.000,00 nel caso di aziende ricadenti in zone montane come individuate e classificate in applicazione della regolamentazione comunitaria;
non superiore a € 250.000,00.

Fondo perduto per giovani agricoltori

Il fondo perduto per giovani agricoltori è concepito per incentivare il ricambio generazionale e sostenere i giovani nel loro primo insediamento come capo azienda. Con fondi che possono raggiungere i 70.000 euro in zone svantaggiate, il bando mira a facilitare l’avvio e lo sviluppo di nuove aziende agricole​​.

Chi sono i giovani agricoltori

I giovani agricoltori idonei per questi finanziamenti sono individui tra i 18 e i 40 anni, che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola.

Altri requisiti per rientrare nella categoria di giovane agricoltore sono:

  1. Superamento dell’esame di Stato per l’esercizio delle professioni di agronomo e forestale junior, biotecnologo agrario, zoonomo, perito agrario laureato, dottore agronomo e forestale, veterinario, agrotecnico laureato o titolo universitario a indirizzo agricolo, forestale, veterinario, o titolo di scuola secondaria di secondo grado a indirizzo agricolo.
  2. Titolo di scuola secondaria di secondo grado non agricolo, attestato di frequenza ad almeno un corso di formazione di almeno 150 ore su tematiche riferibili al settore agroalimentare, ambientale o della dimensione sociale, tenuto da enti accreditati dalle Regioni o Province autonome, oppure partecipazione con esito favorevole all’intervento di sviluppo rurale cooperazione per il ricambio generazionale (esito favorevole della domanda di sostegno).
  3. Titolo di scuola secondaria di primo grado, accompagnato da esperienza lavorativa di almeno tre anni nel settore agricolo, documentata dall’iscrizione al relativo regime previdenziale agricolo per almeno 104 giornate/anno, oppure partecipazione con esito favorevole all’intervento di sviluppo rurale cooperazione per il ricambio generazionale (esito favorevole della domanda di sostegno).

Altri bandi attivi per l’agricoltura

Oltre al PSR, ci sono altri bandi significativi disponibili per i giovani agricoltori, come il
Bando Generazione Terra e il Bando ISI INAIL. Il Bando Generazione Terra offre fino a 1,5 milioni di euro per l’acquisto di terreni agricoli, promuovendo l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali nel settore agricolo​​. Il Bando ISI INAIL, d’altra parte, incentiva le imprese agricole a migliorare le condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, offrendo bonus fino all’80% per i giovani agricoltori​​.

Questi programmi rappresentano un’importante leva finanziaria per i giovani agricoltori che intendono innovare e crescere nel rispetto dell’ambiente e della sostenibilità.

Bando PR FESR 2021-2027

Fondo Perduto per l’Imprenditoria Femminile nel Lazio

Indice

Introduzione

Nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), finanziato attraverso il Next Generation EU, l’Italia è impegnata in una trasformazione significativa. Questo piano non solo mira alla transizione ecologica e digitale, ma si propone anche di superare gli storici ritardi che hanno limitato il progresso del paese. In un’epoca in cui la parità di genere guadagna crescente centralità nello sviluppo del nostro paese, il pieno coinvolgimento delle donne nell’economia è essenziale per una ripresa forte e inclusiva.

Per rispondere a questa esigenza, il Dipartimento per le pari opportunità ha lanciato un’iniziativa significativa all’interno del PNRR: la creazione di un Sistema nazionale di certificazione della parità di genere.

Per approfondire ulteriormente le misure e cosa è il PNRR, ti invitiamo a recuperare il nostro articolo.

Tra le iniziative supportate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, numerose sono i bandi focalizzati sul sostegno alle donne nell’economia. Un esempio emblematico è il bando PR FESR 2021-2027 “Donne, Innovazione e Impresa”, promosso dalla Regione Lazio.

Cos’è il Bando PR FESR 2021-2027

Il bando PR FESR 2021-2027 “Donne, Innovazione e Impresa” è un’iniziativa promossa dalla Regione Lazio, finanziata nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). La Regione Lazio con questa misura sostiene l’innovazione dell’imprenditoria femminile, contribuendo insieme ad altre azioni regionali, nazionali ed europee a diffondere i valori dell’imprenditorialità e del lavoro tra la popolazione femminile e massimizzare il contributo quantitativo e qualitativo delle donne allo sviluppo economico e sociale. Il bando incentiva progetti di innovazione aziendale che possono trasformare significativamente la capacità competitiva e i risultati economici delle PMI femminili nel Lazio.

Come funziona il Fondo Perduto per l’imprenditoria femminile

Il contributo previsto dal bando è a fondo perduto e si articola su una dotazione finanziaria complessiva di 5 milioni di euro. Le imprenditrici possono ottenere un finanziamento che copre tra il 40% e il 60% dei costi ammissibili del progetto, fino a un massimo di 145.000 euro per impresa. Questo sostegno finanziario mira a ridurre il rischio economico associato all’investimento in innovazioni di prodotto e processo, rendendo più accessibile l’espansione e la modernizzazione delle attività imprenditoriali femminili.

bando PR FESR 2021-2027 Lazio, fondo perduto imprenditoria femminile

Quali sono le imprese femminili e chi può accedere al Bando

Per accedere al bando, le imprese devono essere qualificate come “imprese femminili”. Questo termine include:

  • la lavoratrice autonoma donna;
  • l’impresa individuale la cui titolare è una donna;
  • la società cooperativa e la società di persone in cui il numero di donne socie rappresenti almeno il 60 per cento dei componenti della compagine sociale;
  • lo studio associato in cui il numero di donne associate rappresenti almeno il 60 per cento dei componenti della compagine sociale;
  • la società di capitale le cui quote di partecipazione siano possedute in misura non inferiore ai due terzi da donne e da Imprese Femminili e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne.

Progetti finanziabili con il Fondo Perduto

L’agevolazione è un contributo a fondo perduto, riconosciuto a titolo di de Minimis (Reg. (UE) 2023/2831) nella misura massima di 145.000 euro per singola PMI e con una percentuale sulle spese ammissibili dal 40% al 60%.

Spese ammissibili:

  • spese per investimenti materiali;
  • spese dei canoni SaaS, IaaS e Paas sostenute per l’adozione di nuove soluzioni digitali;
  • spese per know how, servizi e consulenze
  • spese per i costi del personale, generali e amministrativi
criteri fondo perduto imprenditoria femminile Lazio

Come richiedere il Fondo Perduto

Per richiedere i fondi, le imprese devono presentare la loro candidatura tramite la piattaforma GeCoWEB Plus. La procedura di domanda richiede:

  1. Registrazione sulla piattaforma e compilazione del formulario di domanda online.
  2. Allegazione di tutti i documenti necessari, che possono includere piani di business, bilanci, e dettagli del progetto di innovazione.
  3. Monitoraggio dei termini e delle scadenze specificate nell’Avviso, assicurandosi di presentare la domanda entro i limiti temporali stabiliti.
clickbando consulenza finanza agevolata, fondo perduto