La Guida Definitiva al Bando ISI INAIL

La Guida Definitiva al Bando ISI INAIL 2023: Gli step essenziali per accedere al finanziamento a fondo perduto

Bando ISI INAIL, la guida definitiva per ottenere il contributo a fondo perduto

Indice

La Guida definitiva al Bando ISI INAIL 2023

Nell’attuale panorama lavorativo, l’importanza di garantire un ambiente sicuro e salubre per i lavoratori è diventata una priorità assoluta. Il benessere dei dipendenti non solo rispecchia la responsabilità sociale d’impresa ma incide significativamente sulla produttività e sulla sostenibilità dell’attività lavorativa. In questo contesto, si inserisce il Bando ISI INAIL 2023, un’iniziativa strategica finalizzata a incentivare le imprese, comprese le micro e piccole imprese operanti nel settore agricolo, a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori. Sebbene denominato Bando ISI INAIL 2023, il bando è effettivamente progettato per essere attuato nell’anno 2024, riflettendo l’impegno continuo dell’INAIL verso la sicurezza e la salute sugli ambienti di lavoro. Il bando si articola in un processo di candidatura che culmina con il Click Day, un appuntamento essenziale in cui le domande vengono finalizzate e inviate secondo un ordine temporale di arrivo, previsto indicativamente per settembre. Questa iniziativa non solo mira a elevare gli standard di sicurezza sul lavoro ma rappresenta anche un’occasione di crescita e innovazione per il tessuto imprenditoriale italiano.

Ora, vediamo tutte le informazioni che devi assolutamente sapere per partecipare e come potersi preparare al meglio per questa importante opportunità.

Cosa è il Bando ISI 2023

Il Bando ISI INAIL 2023, nonostante il nome, si rivolge alle esigenze dell’anno 2024, costituendo un pilastro fondamentale nella strategia di promozione della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro da parte dell’INAIL. Questo programma di finanziamento a fondo perduto è progettato per supportare le imprese che si impegnano attivamente nel migliorare le condizioni di lavoro, ponendo un accento particolare sulla prevenzione degli infortuni e sul benessere dei lavoratori.

L’obiettivo principale del bando è dunque duplice: da un lato, stimolare le micro e piccole imprese, in particolare quelle nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, all’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro che incorporino soluzioni innovative in grado di ridurre le emissioni inquinanti e il rischio infortunistico. Dall’altro, incoraggiare le imprese di tutti i settori a realizzare progetti che abbiano un impatto positivo documentabile sulle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro rispetto alla situazione preesistente.

Tra gli interventi finanziabili si annoverano l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, l’acquisto di attrezzature avanzate, la bonifica da materiali pericolosi come l’amianto e iniziative mirate alla riduzione dei rischi infortunistici e tecnopatici. Questi progetti, oltre a migliorare direttamente le condizioni di lavoro, sono volti a creare un circolo virtuoso di consapevolezza e innovazione all’interno delle realtà imprenditoriali, incentivando un’evoluzione positiva della cultura della sicurezza sul lavoro in Italia.

Clickbando Richiedi un bando
CLICK DAY INAIL

Soggetti Beneficiari

Il Bando ISI INAIL 2023 è rivolto a una vasta gamma di soggetti operanti sul territorio italiano, con l’obiettivo di rendere il più inclusivo possibile l’accesso ai benefici previsti. Le categorie di soggetti che possono accedere a questo finanziamento sono delineate con precisione, in modo da coprire diversi settori economici e dimensioni aziendali, garantendo al contempo un’attenzione particolare alle esigenze specifiche di ciascuna categoria.

Imprese, anche individuali

Le imprese, inclusi gli imprenditori individuali, localizzati in qualsiasi regione o provincia e iscritti alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA), costituiscono i principali beneficiari del bando. Questo gruppo comprende aziende impegnate nei più svariati settori economici, con un focus particolare sulle micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli. Un’attenzione specifica è rivolta alle imprese che adottano modelli organizzativi e di responsabilità sociale, nonché quelle impegnate in percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, come l’ex alternanza scuola lavoro.

Enti del terzo settore

Gli enti del terzo settore godono di un’attenzione particolare, con l’accesso limitato a specifici interventi. Questi soggetti possono accedere al finanziamento per progetti focalizzati sulla riduzione del rischio da movimentazione manuale di persone, rappresentando così un segmento cruciale nella strategia complessiva di miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza.

Entità del contributo

Nella convocazione 2023 del programma di sovvenzioni ISI INAIL, attivo da febbraio 2024, sia le aziende che le organizzazioni non-profit sono idonee a richiedere sovvenzioni non rimborsabili per iniziative che si inseriscono in vari ambiti, con finanziamenti disponibili da 5.000 a 130.000 euro.

Questi finanziamenti, erogati come contributi a fondo perduto, sono basati sull’intero ammontare delle spese qualificabili, IVA esclusa. La ripartizione dei fondi dipende dall’ambito tematico dell’iniziativa:

  • Per iniziative promosse da micro e piccole imprese e organizzazioni del terzo settore il sostegno finanziario può raggiungere il 65% del totale dei costi ammissibili. Questa opportunità è aperta a tutte le aziende, ad eccezione delle micro e piccole imprese operanti nel settore agricolo primario.
  • Le iniziative di micro e piccole imprese nel settore della produzione agricola primaria possono beneficiare di una copertura finanziaria del 65% per le imprese agricole tradizionali e dell’80% per i giovani agricoltori.

Per giovani agricoltori Bonus fino all ‘80%

Limite di età quale requisito per accedere al contributo, per l’asse di giovane agricoltore, è di 41 anni non compiuti. Nelle società con due soci, in cui soltanto uno non abbia compiuto 41 anni, e sia al suo primo insediamento, si può ritenere soddisfatto il requisito richiesto.

Si considerano soggetti al primo insediamento, coloro che si insediano per la prima volta come capo azienda o che si sono insediati da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda

Altri requisiti per rientrare nella categoria di giovane agricoltore sono:

  1. Superamento dell’esame di Stato per l’esercizio delle professioni di agronomo e forestale junior, biotecnologo agrario, zoonomo, perito agrario laureato, dottore agronomo e forestale, veterinario, agrotecnico laureato o titolo universitario a indirizzo agricolo, forestale, veterinario, o titolo di scuola secondaria di secondo grado a indirizzo agricolo.
  2. Titolo di scuola secondaria di secondo grado non agricolo, attestato di frequenza ad almeno un corso di formazione di almeno 150 ore su tematiche riferibili al settore agroalimentare, ambientale o della dimensione sociale, tenuto da enti accreditati dalle Regioni o Province autonome, oppure partecipazione con esito favorevole all’intervento di sviluppo rurale cooperazione per il ricambio generazionale (esito favorevole della domanda di sostegno).
  3. Titolo di scuola secondaria di primo grado, accompagnato da esperienza lavorativa di almeno tre anni nel settore agricolo, documentata dall’iscrizione al relativo regime previdenziale agricolo per almeno 104 giornate/anno, oppure partecipazione con esito favorevole all’intervento di sviluppo rurale cooperazione per il ricambio generazionale (esito favorevole della domanda di sostegno).
Bando ISI INAIL beneficiari e contributo a fondo perduto

Tipologie di interventi ammissibili

Il bando prevede il finanziamento di diverse tipologie di interventi, ognuno riconducibile a specifici assi di finanziamento. Questa diversificazione garantisce che il bando possa coprire un’ampia varietà di progetti, da quelli volti alla riduzione dei rischi specifici legati all’attività lavorativa, fino a interventi più strutturali e organizzativi. Tra gli interventi finanziabili si trovano:

  • Progetti per la riduzione dei rischi tecnopatici e infortunistici;
  • Iniziative per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • Interventi per la bonifica da materiali pericolosi, come l’amianto;
  • Sostegno a micro e piccole imprese per l’acquisto di macchinari e attrezzature avanzate.

Apertura e Scadenza bando

Il Bando ISI INAIL 2023 segue un calendario preciso per la procedura di presentazione delle domande. La fase di apertura del sistema informatico per la compilazione delle domande inizia il 15 aprile 2024.
I soggetti interessati devono completare e inviare la loro candidatura entro il 30 maggio 2024,
alle ore 18:00, attraverso la piattaforma informatica predisposta dall’INAIL.

Fasi Importanti:

  • 16 maggio 2024: Pubblicazione delle regole tecniche per l’invio del codice domanda tramite lo sportello informatico.
  • 30 maggio 2024: Pubblicazione della tabella temporale e chiusura della procedura informatica per la registrazione delle domande.
  • 3 giugno 2024: Inizio del periodo per il download dei codici identificativi per le domande partecipanti allo sportello informatico.

Questo calendario sottolinea la necessità di un’adeguata preparazione da parte delle imprese e degli enti che intendono partecipare al bando. La raccolta anticipata dei documenti necessari e la comprensione delle regole tecniche sono passaggi essenziali per garantire una presentazione efficace e tempestiva della domanda. La precisione nella preparazione e l’osservanza delle scadenze sono cruciali per sfruttare al meglio le opportunità offerte dal bando. Per maggiori informazioni dettagliate e per visualizzare il calendario completo del bando, si può visitare la pagina ufficiale INAIL

Come accedere al Bando ISI INAIL

Per accedere al Bando ISI INAIL 2023, è necessario seguire una procedura specifica che si articola attraverso la piattaforma online messa a disposizione dall’INAIL. Questo processo è progettato per essere il più accessibile e guidato possibile, al fine di assistere i soggetti beneficiari nella presentazione delle loro candidature.

  1. Registrazione sulla piattaforma INAIL: Il primo passo richiede ai soggetti interessati di registrarsi sulla piattaforma dedicata all’interno del sito web dell’INAIL. Questa fase preliminare è fondamentale per accedere ai servizi online e per poter compilare la domanda di partecipazione al bando.
  2. Compilazione della domanda: Attraverso l’accesso alla piattaforma, i soggetti beneficiari potranno compilare la domanda, inserendo tutte le informazioni richieste e allegando la documentazione necessaria per attestare la conformità ai requisiti del bando.
  3. Invio della domanda: Una volta completata la compilazione, la domanda può essere inviata direttamente attraverso la piattaforma. È consigliabile effettuare un’ultima verifica dei dati inseriti e dei documenti allegati prima dell’invio definitivo.

Come funziona la selezione

Il Bando ISI INAIL 2023 si distingue per un processo di selezione chiaro e strutturato, finalizzato a garantire trasparenza e equità. La procedura di valutazione è accuratamente definita per identificare e premiare i progetti che meglio rispondono agli obiettivi di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Fasi del Processo di Selezione

  1. Presentazione della Domanda: Dopo la registrazione e la compilazione della domanda sulla piattaforma INAIL, i soggetti beneficiari inviano le loro proposte entro i termini previsti.
  2. Valutazione Preliminare: Le domande ricevute sono sottoposte a una valutazione preliminare per assicurare che soddisfino i requisiti di base e la documentazione richiesta.
  3. Valutazione di Merito: Segue una valutazione di merito, durante la quale le proposte sono esaminate da una commissione esperta che valuta la qualità del progetto, l’impatto previsto in termini di sicurezza e salute, e l’aderenza agli obiettivi del bando.
  4. Assegnazione dei Finanziamenti: I progetti che ottengono il punteggio più alto nella valutazione di merito vengono selezionati per il finanziamento. La lista dei progetti approvati è pubblicata sul sito INAIL.

Criteri di Valutazione

I criteri adottati per la valutazione dei progetti includono:

  • L’innovatività delle soluzioni proposte per la riduzione dei rischi sul lavoro.
  • L’efficacia prevista delle misure di miglioramento delle condizioni di sicurezza e salute.
  • La coerenza del progetto rispetto agli obiettivi specifici del bando.
  • La sostenibilità economica e l’impatto a lungo termine del progetto.

Requisiti necessari

Per partecipare al Bando ISI INAIL 2023, le imprese e gli enti del terzo settore devono soddisfare una serie di requisiti chiave, che includono:

  • Essere regolarmente iscritti alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA) per le imprese, o agli albi pertinenti per gli enti del terzo settore.
  • Avere la sede legale e operativa nel territorio italiano.
  • Essere in regola con il pagamento dei premi assicurativi INAIL.
  • Non trovarsi in stato di liquidazione o di altre condizioni di insolvenza.

Inoltre, i progetti presentati devono rientrare nelle tipologie di intervento ammissibili e rispettare i criteri specificati nel bando relativi alla natura delle spese e all’ammontare del finanziamento richiesto.

Click Day Inail

Il cosiddetto “Click Day” rappresenta la fase conclusiva del processo di presentazione delle domande. Si tratta di un momento determinante in cui le imprese e gli enti devono completare e confermare la propria candidatura attraverso la piattaforma INAIL. La tempistica e la correttezza nell’esecuzione di questa fase sono cruciali, poiché le domande sono accettate e valutate seguendo l’ordine di presentazione. Indicativamente, il “Click Day” si terrà verso settembre, offrendo così alle imprese e agli enti un periodo di preparazione adeguato dopo la chiusura della finestra di presentazione delle domande a maggio.

Durante questo periodo di preparazione, è essenziale:

  • Verificare in anticipo la correttezza di tutti i dati inseriti nella domanda. Un controllo accurato può prevenire ritardi o problemi nell’ultima fase di presentazione.
  • Assicurarsi di disporre di una connessione internet stabile. La rapidità di accesso alla piattaforma INAIL durante il “Click Day” è fondamentale per migliorare le possibilità di successo.
  • Prepararsi ad accedere alla piattaforma INAIL nei primi minuti dell’apertura del “Click Day”, per massimizzare le possibilità di successo. La tempestività nell’inviare la domanda può essere decisiva.

Questa fase richiede un’attenzione particolare e una preparazione metodica, in quanto determina l’ammissibilità finale al bando e la possibilità di beneficiare dei fondi. La pianificazione e la prontezza sono dunque elementi chiave per navigare con successo questa ultima tappa del processo di candidatura.

Concludendo, il Bando ISI INAIL 2023 si configura come una grande opportunità per le imprese desiderose di migliorare la sicurezza e il benessere nei luoghi di lavoro. Tuttavia, preparare una domanda vincente richiede precisione e conoscenza approfondita, caratteristiche che si trovano al cuore della missione di Clickbando. Rendere semplici e accessibili processi complessi come la partecipazione al click day è ciò che ci motiva ogni giorno.

clickbando richiedi il tuo bando

Gli altri articoli del nostro blog:

Una risposta a “La Guida Definitiva al Bando ISI INAIL”

  1. […] a scoprire di più anche sugli altri due bandi, ti invitiamo a leggere i nostri articoli: “La guida definitiva al bando ISI INAIL 2023: gli step essenziali per accedere a finanziamenti a fond…” e “Bando Generazione Terra: fino a 1,5 mln di […]