Fonti di finanziamento per Startup e imprese

Fonti di finanziamento per Startup e imprese

Una delle più grandi difficoltà per le imprese, soprattutto nelle fasi iniziali, è avere soldi da investire nella
propria attività. Il primo passo che solitamente viene fatto è provare a chiedere ai famosi “friends, family
and fools”
, ma quando questo metodo fallisce o non basta?
In Italia esistono molte forme di finanziamento a disposizione delle imprese, ma può essere difficile capire
le differenze tra di esse. In questo articolo parleremo delle quattro forme più comuni: crowdfunding,
venture capital, business angels e finanza agevolata.

Crowdfunding

Il crowdfunding è una forma di finanziamento partecipativo che coinvolge la raccolta di denaro da parte di un gran numero di individui tramite piattaforme online specializzate. In Italia è diventato una forma sempre più diffusa di finanziamento per le startup, le PMI e i progetti di ogni tipo.

Il funzionamento del crowdfunding è abbastanza semplice. Le piattaforme di crowdfunding mettono in
contatto gli imprenditori che cercano finanziamenti con gli investitori interessati a finanziare un progetto o un’idea. Gli investitori possono fare offerte di denaro in cambio di una quota di partecipazione, di un
prodotto o servizio futuro, o di una ricompensa simbolica.

In Italia, esistono diverse tipologie di crowdfunding, tra cui:

  • Crowdfunding reward-based: in questo caso, gli investitori ricevono una ricompensa simbolica in cambio del loro contributo finanziario. Questa può essere una maglietta, un prodotto o un servizio correlato al progetto finanziato.
  • Crowdfunding equity-based: gli investitori ricevono una quota di partecipazione nell’azienda in cambio del loro investimento. Questo tipo di crowdfunding è spesso utilizzato per raccogliere fondi per startup e aziende in fase di avvio.
  • Crowdfunding lending-based: in questo caso, gli investitori prestano denaro all’azienda, che poi restituisce il prestito con gli interessi. Questo tipo di crowdfunding è simile a un prestito bancario tradizionale.

Il crowdfunding è una forma relativamente nuova di finanziamento in Italia, ma è diventata sempre più
popolare grazie alla sua facilità d’uso e alla possibilità di coinvolgere un ampio pubblico di investitori.
Tuttavia, è spesso utilizzato solo per progetti a breve termine o per la raccolta di capitali iniziali.

Venture Capital

Il venture capital è una forma di finanziamento a lungo termine rivolta alle startup, effettuato da società
specializzate. In questo caso, gli investitori esterni (i cosiddetti venture capitalist) forniscono il capitale di
rischio necessario per far crescere l’azienda, in cambio di una partecipazione nella società.
Il venture capital è particolarmente adatto per le startup ad alto potenziale, in quanto offre un’ampia
gamma di servizi di supporto, come consulenza strategica e accesso a una vasta rete di contatti. Tuttavia, è spesso difficile da ottenere, poiché gli investitori cercano di minimizzare il rischio investendo solo in aziende che presentano un elevato potenziale di crescita.

I venture capitalist in Italia tendono a concentrarsi su specifici settori, come ad esempio le tecnologie
dell’informazione, le biotecnologie o le energie rinnovabili. Le startup e le PMI che cercano finanziamenti
da parte loro devono dimostrare di avere un potenziale di crescita elevato e di avere un modello di
business sostenibile. Nonostante i fattori di rischio, i venture capitalist hanno un forte incentivo a
selezionare le aziende più promettenti e ad offrire supporto e consulenza per minimizzare i rischi. In primis per il facile guadagno che ne ricavano in caso di successo, ma anche perché in Italia sono spesso supportate da fondi pubblici o privati per garantire la continuità dell’attività di investimento.

In Italia, il venture capital è un’attività in crescita, ma rimane comunque un’opzione di finanziamento
limitata rispetto ad altre forme di finanziamento come il crowdfunding o la finanza agevolata. Tuttavia, può essere una fonte importante di finanziamento per le startup e le PMI innovative che cercano di espandersi e crescere.

Business Angels

I business angels sono investitori privati che investono il proprio denaro in startup o aziende in fase di
avvio, in cambio di una quota di partecipazione nell’azienda. A differenza dei venture capitalist, i business
angels investono il proprio denaro e non quello di fondi di investimento, il che significa che hanno una
maggiore flessibilità nelle loro decisioni di investimento.

Il funzionamento dei business angels in Italia prevede che gli investitori privati individuino startup o aziende con un forte potenziale di crescita e offrano loro finanziamenti in cambio di una quota di partecipazione nell’azienda. Queste figure sono spesso imprenditori di successo, manager o professionisti con esperienza e conoscenze specifiche in un determinato settore che sfruttano per supportare l’azienda in cui investono attraverso la fornitura di consulenza, competenze manageriali o la creazione di reti di contatti.
In Italia, i business angels sono spesso organizzati in associazioni o network, come l’Italian Business Angels Network (IBAN) o l’Associazione Italiana Business Angels (AIBA). Queste associazioni offrono supporto ai business angels e promuovono l’attività di investimento nell’ecosistema delle startup italiane.

Il finanziamento dei business angels può essere utilizzato per una varietà di scopi, come la ricerca e lo
sviluppo, l’acquisizione di attrezzature, il reclutamento di personale o l’espansione sul mercato.
In sintesi, i business angels in Italia sono investitori privati che investono il proprio denaro in startup o
aziende in fase di sviluppo, offrendo finanziamenti e supporto manageriale e di rete. Grazie alla loro
esperienza e conoscenza, i business angels possono essere una fonte importante di finanziamento e
supporto per le startup e le PMI innovative in Italia.

Finanza agevolata

Ultimo ma decisamente non meno importante, è la finanza agevolata. Questo tipo di finanziamento si
riferisce a fondi erogati da enti pubblici o privati attraverso strumenti quali contributi a fondo perduto,
prestiti agevolati o garanzie, finalizzati a sostenere lo sviluppo di imprese e progetti. Questi finanziamenti
sono solitamente caratterizzati da condizioni più vantaggiose rispetto ai finanziamenti tradizionali, come
tassi di interesse più bassi, periodi di ammortamento più lunghi o esenzioni fiscali.
Essendo questo il nostro settore, le abbiamo dedicato un articolo esclusivo che puoi trovare qui.

In conclusione, ogni forma di finanziamento ha le proprie caratteristiche, i suoi pro e i suoi contro. La cosa
più importante è non lasciarsi confondere dalle molte opportunità e capire quale tipo fa più al caso proprio, in base al progetto e alla fase di vita dell’impresa in cui siamo.

Gli altri articoli del nostro blog: